Tu sei qui

Bestack a Ecomondo racconta l’impegno green della filiera del cartone ondulato per ortofrutta
12/11/2018
-
comunicato stampa

Il consorzio ha partecipato alla seconda giornata di Ecomondo con un intervento nell’ambito del convegno “Dal Legno alla Tavola”, promosso da Confagricoltura. Il direttore Claudio Dall’Agata ha illustrato gli ultimi progetti per migliorare la sostenibilità degli imballaggi in cartone e più in generale di tutta la filiera ortofrutticola

Prima di tutto si parte dalla materia prima: l’utilizzo di carta vergine proveniente da foreste con gestione responsabile è salito dal 70% del 2011 fino al 92,2% del 2017 ed entro il 2020 arriverà al 100%

 

Ridurre l’utilizzo di materie plastiche, fermare la deforestazione incontrollata, contenere le emissioni di CO2 sono comportamenti fondamentali per garantire processi produttivi sostenibili. Per questo Bestack, consorzio di ricerca che riunisce i produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, dal 2008 collabora con le principali Università italiane per migliorare la sostenibilità ambientale del packaging in cartone ondulato. Se n’è parlato a Ecomondo (Rimini Fiera, 6-9 novembre 2018) durante il convegno “Dal Legno alla Tavola” che si è svolto nella seconda giornata della kermesse dedicata alla green economy e allo sviluppo sostenibile, promosso da Confagricoltura, a cui ha partecipato anche il direttore di Bestack Claudio Dall’Agata.

Vari sono gli step che caratterizzano il percorso di sostenibilità intrapreso negli ultimi anni da Bestack. Il consorzio nel 2008 ha sviluppato il primo LCA (Life Cycle Assessments) di filiera con il contributo del Politecnico di Milano: questo ha consentito non solo di analizzare il ciclo di vita dell’imballaggio in cartone ondulato e di valutare la sua impronta ambientale rispetto alla plastica ma anche di quantificare l’impatto legato all’utilizzo nel trasporto dal campo alla tavola del consumatore. Questo ha permesso di dimostrare con il WWF che il cartone ondulato ha impatti ambientali inferiori a tutti gli altri sistemi di imballaggio.

Sempre in collaborazione con il WWF, Bestack ha avviato dal 2011 un sistema di monitoraggio sulle materie prime utilizzate dalle aziende consorziate per la produzione di imballaggi in cartone ondulato. Il fil rouge che lega queste attività è l’orientamento alla salvaguardia dell’ambiente e alla riduzione degli impatti ambientali, l’opportunità di migliorare le prestazioni ambientali e ricercare sempre nuove soluzioni eco-compatibili, per una tipologia di packaging, gli imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, prodotti con materia prima rinnovabile, naturali e riciclabili al 100%.

Lo studio condotto con il WWF, nello specifico, ha permesso di verificare il grado progressivo di impiego, da parte delle aziende consorziate a Bestack, di carte  certificate FSC (ente non governativo che ha creato negli anni un sistema di controllo basato su stringenti regole di produzione e utilizzo del legname), PEFC (marchio nato successivamente e creato dai gestori forestali europei) o provenienti da altre foreste con gestione responsabile, dove i piani di reimpianto sono superiori ai piani di taglio. Già nel primo triennio di collaborazione con WWF i consorziati Bestack hanno dimezzato l’utilizzo di carte non certificate e pianificato un utilizzo crescente di carte provenienti da foreste certificate.

Migliorare la sostenibilità degli imballaggi in cartone è l’impegno diretto dei produttori di packaging. Ma un altro punto è altrettanto importante: ridurre l’impatto di ciò che si produce, confeziona, trasporta e poi non si consuma. Per questo il vero impegno della sostenibilità è ridurre lo spreco alimentare. Per questo occorre sviluppare nuove funzioni d’uso delle confezioni per ridurre lo spreco alimentare. Con il brevetto dell’imballaggio Attivo! che allunga la shelf life dei prodotti il settore del cartone ondulato contribuisce a ridurre lo spreco alimentare evitando al 10% dell’ortofrutta di finire nella spazzatura

Il risultati di questo percorso di analisi e monitoraggio sono stati illustrati a Rimini Fiera il 7 novembre durante la seconda giornata di Ecomondo. Al convegno “Dal Legno alla Tavola” Claudio Dall’Agata, direttore del consorzio Bestack, ha illustrato i risultati 2017 sull’utilizzo di carta certificata da parte delle aziende consorziate. L’utilizzo di carta proveniente da foreste con gestione responsabile è salito dal 70% del 2011 fino al 92,2% del 2017, con un incremento costante durante gli anni di monitoraggio. - sottolinea Dall’Agata - La certificazione prevalentemente utilizzata dai nostri consorziati è FSC, che vale l’85% della carta utilizzata per la produzione di imballaggi in cartone ondulato. Segue la certificazione PEFC che vale il 4,2% e in maniera minore sono utilizzate carte provenienti da foreste con altre certificazioni di gestione sostenibile”.

L’impegno costante dei consorziati Bestack e l’attenzione sempre crescente verso la sostenibilità dei fattori di produzione porterà entro il 2020 ad avere un utilizzo esclusivo di carte provenienti da foreste certificate, portando il settore carta, già prima filiera in Italia per il riciclo grazie a Comieco, ad essere un esempio virtuoso di produzione sostenibile.