Tu sei qui

Raccolta mele 2017: prime stime preoccupanti
19/06/2017
-
news

La campagna di cmmercializzazione 2016 per le mele ha visto una leggera riduzione delle produzioni rispetto all'anno precedente con un aumento dei consumi interni e una contrazione delle esportazioni.

Per la nuova campagna, in attesa delle stime ufficiali che saranno presentate a Prognosfruit il prossimo 11 agosto, il sito tedesco Fruchtportal.de, basandosi su dati della società Ami, divulga una prima stima sulla produzione di mele in Europa per la prossima campagna commerciale.

La raccolta di mele in Europa potrebbe scendere fino al 50% nella prossima stagione, a causa delle gelate primaverili che in aprile hanno colpito tutti i Paesi di produzione, ad eccezione di Spagna e Regno Unito.

Per quanto riguarda la Germania, la società di ricerche segnala perdite potenziali del raccolto fino al 70% nella regione del Lago di Costanza, mentre andrà meglio alla zona del Niederelbe (-10%).

Tra le altre principali regioni di coltivazione d'Europa, i cali più consistenti sono indicati per Polonia (-50-60%), Belgio (-65-70%) e Paesi balcanici (-50-80%). Seguono l'Austria, con una riduzione compresa tra il 45 e il 50%, l'Olanda con -30-35% e l'Italia con un -20-25%.

I primi dati mostra come l’Italia dovrebbe essere lo stato meno colpito dal calo di produzione. Va però sottolineato come questi studi tendano a sottostimare le produzioni, lo scorso anno infatti a fronte di una previsione di calo delle produzioni pari al 40% in Italia si è riscontrata una sostanziale parità della raccolta (dati Istat).