Tu sei qui

Crescono i Consumi di F&V a ottobre 2017
08/01/2018
-
news

Prosegue anche per il 2018 il monitor Bestack sui consumi ortofrutticoli italiani. Nella prima parte del 2017 le diverse fonti statistiche, il monitor di Agroter su dati IRI e quello CSO su dati GFK, mostravano scenari diversi per i consumi di frutta e verdura in Italia, ma a partire dai mesi estivi le diverse stime si sono allineate. Ad inizio anno CSO ha pubblicato i dati sui consumi di ottobre 2017. Dopo gli aumenti dei consumi registrati ad agosto e settembre, anche ad ottobre è confermato il trend di crescita dei consumi.

Da gennaio a ottobre i consumi di frutta e verdura sono stati circa 7 mln di tonnellate, con un aumento rispetto al 2016 del +3%. A differenza dei mesi precedenti però è la verdura a trainare maggiormente la crescita con un +4%, mentre i consumi di prodotti frutticoli crescono del +3%. Altro elemento di analisi interessante è l’andamento del valore delle vendite che mostra come per gli ortaggi il prezzo medio cresca del 1% rispetto al 2016 mentre per la frutta il prezzo medio è sostanzialmente invariato.

Analizzando i singoli prodotti a ottobre troviamo per i frutticoli un aumento dei consumi per prodotti primaverili e di inizio estate come fragole, ciliegie e nettarine mentre sono in calo i consumi di mele (soprattutto a causa dell’inizio della nuova campagna), kiwi e pesche.

Per quel che riguarda gli ortaggi tutte le specie principali vedono un incremento rispetto allo stesso periodo del 2016, ad eccezioni delle zucchine che sono in calo del 2%. Salgono dunque peperoni +11%, insalate +9%, melanzane +7%, carote +4%, pomodori +3%, patate e cetrioli +2% e le cipolle +1%.

Oltre alla crescita dei consumi il dato positivo è la conferma del progressivo abbandono delle politiche di prezzo da parte dei rivenditori. La qualità e il servizio sono sempre più importanti della convenienza.

In attesa dei dati complessivi sui consumi complessivi del 2017 si possono già scorgere segnali di ripresa, la speranza è che il trend si confermi anche per il 2018.